Google risponde con Drive for Work a Microsoft

Scritto da -

Vi ricordate che ieri parlavamo dell'aumento di spazio che Onedrive di Microsoft ha offerto agli utenti, per invogliarli ad utilizzare il Cloud? Ecco che Google risponde con una contro-offerta: spazio illimitato su Drive !

Archiviazione e Sicurezza

Presentato al Google I/O di Mercoledì, Google Drive for Work è il fulcro dei prodotti utilizzati nelle Google Apps: l'archiviazione e la condivisione dei documenti avvengono proprio attraverso questo prodotto. Inoltre vanta di controlli sicurezza avanzati, con report e servizi di eDiscovery , consentendo alle aziende di monitorare le comunicazioni tra il personale e le informazioni condivise nei documenti .

Google sta cercando quindi di competere con il servizio Onedrive di Microsoft, che questa settimana ha visto i suoi limiti aumentati e il suo prezzo scendere, e sembra anche uscirne vincente con storage illimitato e con possibilità di caricare fino a 5 tb, con un piccolo supplemento mensile.

Migliore Utilizzo

Google ha affermato che a partire da oggi, Drive sarà piu' semplice e veloce per l'utilizzo web, su iOS e Android, ed ha integrato il supporto Quickoffice in Documenti, Fogli e diapositive per una migliore compatibilità con più tipi di file.

Google ha migliorato la sicurezza annunciando che a partire da adesso, tutti i file caricati su Google Drive saranno criptati, sia in transito che sui server di Google.

Sicuramente entrambi i prodotti sono altamente validi e la concorrenza fra i due sta decisamente migliorando sia l'usabilità che le opportunità offerte dalle nuove soluzioni Cloud, a prezzi sempre più vantaggiosi.

Per avere maggiori informazioni sulle soluzioni Cloud, vi inviatiamo a contattare direttamente i nostri esperti all'indirizzo [email protected] 

Daniele Mazzucchi

Daniele nasce a Roma il 4 maggio 1970, è il Direttore di Produzione; inizia giovanissimo a occuparsi di sistemi di rete e di telematica in generale; fonda Nexus nel 1992, uno dei primi provider internet italiani, e successivamente IstriaOnLine, il primo provider internet in Croazia. Attraverso la sua società, la Nexus, partecipa attivamente alla fondazione della naming authority italiana, che diverrà successivamente il registro italiano internet (ccTLD.it). Nel 1999 lascia le sue attività per dedicarsi come professionista indipendente alla web application, collaborando con molte grandi aziende come BPM, IMI San Paolo, Mercedes-Benz Finanziaria; diventa successivamente, nel 2000, Direttore di Produzione di EFM Engineering, dove progetta in particolare una delle prime piattaforme FAD italiane AICC based. Nel 2003 avvia un nuovo progetto imprenditoriale entrando in ICOA, dove sviluppa il settore internet seguendo in prima persona la web application e il marketing online. Guarda il profilo di Daniele su Linkedin.