Quali Glass indosseremo? Google o Lenovo

Scritto da -

La nuova tecnologia ideata da Google, i Google Glass è finalmente sbarcata in Italia. Ad oggi sono due le catene che vendono il prodotto Mediaworld e Saturn ad un prezzo di 2000 euro.In questo spot di presentazione del prodotto possiamo solo immaginare cosa si prova nell’indossarli, con un semplice “OK GLASS” si puo’ attivare un filmato, scattare una foto, un hangout, condividere, utilizzare Maps. Google ha anche stilato un accordo con luxottica per renderli meno Nerd e più trandy adatti ad ogni persona con la possibilità di sceglierne il design. Il nuovo dispositivo Android è compatibili con ogni smartphone dotato della tecnologia Bluetooth.

La notizia di questi giorni è che anche Lenovo ha realizzato i suoi Glass, che lancerà presumibilmente in autunno. Saranno di due tipi; il primo Smart Glass M1 in collaborazione con Vuzix, rivolto al campo della logistica e in quello medico. L’altro Smart Glass C1 destinato al mercato cinese, in collaborazione con Ceyes. Secondo le dichiarazioni di Lenovo, una sola società non può fare tutto, attraverso l’incubatore NBD, Lenovo mette a disposizione le sue risorse – software, hardware, canali di vendita e servizi – a favore delle nuove start-up che possono testare le proprie tecnologie innovative e avviare lo sviluppo di nuovi prodotti. E proprio una di queste start-up la nuova tecnologia utilizzata dai glass.

Daniele Mazzucchi

Daniele nasce a Roma il 4 maggio 1970, è il Direttore di Produzione; inizia giovanissimo a occuparsi di sistemi di rete e di telematica in generale; fonda Nexus nel 1992, uno dei primi provider internet italiani, e successivamente IstriaOnLine, il primo provider internet in Croazia. Attraverso la sua società, la Nexus, partecipa attivamente alla fondazione della naming authority italiana, che diverrà successivamente il registro italiano internet (ccTLD.it). Nel 1999 lascia le sue attività per dedicarsi come professionista indipendente alla web application, collaborando con molte grandi aziende come BPM, IMI San Paolo, Mercedes-Benz Finanziaria; diventa successivamente, nel 2000, Direttore di Produzione di EFM Engineering, dove progetta in particolare una delle prime piattaforme FAD italiane AICC based. Nel 2003 avvia un nuovo progetto imprenditoriale entrando in ICOA, dove sviluppa il settore internet seguendo in prima persona la web application e il marketing online. Guarda il profilo di Daniele su Linkedin.