Facebook at work. Al via i primi test

Scritto da -

Lo sviluppo di Facebook at work è un segnale evidente che il social network sente l’esigenza di venire sfruttato anche in campo lavorativo, separando però nettamente il profilo business da quello professionale. Lo scopo è di trasformarsi per le aziende da fonte di distrazione a strumento per migliorare la comunicazione tra colleghi.

Facebook-at-Work-desktop-mobile

In molti hanno scritto che in realtà Facebook vuole in questo modo combattere il successo sempre crescente di Linkedin, ma in realtà le funzionalità dei due Social Network si discostano in modo evidente. Il primo aiuta i contatti e le comunicazioni all’interno di singole aziende, il secondo vuole creare una rete di rapporti tra figure professionali scollegate dal luogo di lavoro. A mio parere Zuckerberg vuole piuttosto combattere l’uso sempre più diffuso delle Google Apps for work che già da anni permettono, attraverso il proprio account professionale, di condividere calendari, documenti, gruppi, post e molto altro. 

Qualunque siano le motivazioni di Facebook, è chiaro che punta molto sulla sfera business perché da qualche giorno è iniziata la fase di test di Facebook at work, al momento aperta solo ad aziende con più di 100 dipendenti. Per avere maggiori informazioni, qualsiasi azienda può comunque compilare un form dedicato. Purtroppo, non ci sono ancora notizie riguardo a quando la fase di test terminerà e la versione professionale del Social network sarà disponibile per tutte le aziende.

Cos’è Facebook at work

L'app per smartphone di Fcebook at work.

La versione business del colosso californiano avrà le stesse identiche caratteristiche, anche grafiche, del social network conosciuto da tutti, ma ecco in cosa si differenzia:

  • Per attivare Facebook at work ogni dipendente dovrà creare un profilo ex novo e associarlo a quello aziendale, così da mantenere completamente separate le due identità.
  • La privacy sarà garantita di default, perché ogni contenuto verrà visualizzato esclusivamente dai membri interni dell’azienda, in più sarà possibile stabilire impostazioni personalizzate.
  • La versione business sarà disponibile anche per smartphone, ma attraverso un’app dedicata (ci auguriamo che non abbia gli stessi problemi di “identità” da sempre riscontrati e ancora non risolti dell’applicazione per la gestione delle pagine).
Daniele Mazzucchi

Daniele nasce a Roma il 4 maggio 1970, è il Direttore di Produzione; inizia giovanissimo a occuparsi di sistemi di rete e di telematica in generale; fonda Nexus nel 1992, uno dei primi provider internet italiani, e successivamente IstriaOnLine, il primo provider internet in Croazia. Attraverso la sua società, la Nexus, partecipa attivamente alla fondazione della naming authority italiana, che diverrà successivamente il registro italiano internet (ccTLD.it). Nel 1999 lascia le sue attività per dedicarsi come professionista indipendente alla web application, collaborando con molte grandi aziende come BPM, IMI San Paolo, Mercedes-Benz Finanziaria; diventa successivamente, nel 2000, Direttore di Produzione di EFM Engineering, dove progetta in particolare una delle prime piattaforme FAD italiane AICC based. Nel 2003 avvia un nuovo progetto imprenditoriale entrando in ICOA, dove sviluppa il settore internet seguendo in prima persona la web application e il marketing online. Guarda il profilo di Daniele su Linkedin.